È tempo di pulizie di primavera!

Sì, non è uno scherzo. La primavera è inesorabilmente tra di noi e si diverte saltando da un temporale di mezza stagione a una giornata di sole, che fa venire voglia di mollare tutto e scappare al mare, impugnando un cocktail con l’ombrellino.

Se la natura si sveglia e rinasce, tocca anche a noi uscire dal letargico inverno e affrontare una fiorita metamorfosi. Per lasciare il freddo pungente alle spalle è però necessario un ultimo sforzo: quello delle pulizie di primavera.

Mai come negli ultimi anni l’importanza di riordinare ha tenuto banco nelle conversazioni da bar e sui social.

Marie Kondo, guru del settore, è diventata persino una superstar e dopo best seller da libreria ha conquistato anche Netflix con uno show che insegna l’importanza di riorganizzare, lasciando andare gli oggetti che non servono più. Una sorta di catarsi in cui ci armiamo di buste della spazzatura e panni anti-polvere.

Le pulizie di primavera richiedono un po’ di tempo, ma niente panico: tutto sta nella capacità di designare gli spazi e agire in maniera mirata. Occupatevi di un settore alla volta dimenticandovi del resto, non sovraccaricatevi e ricompensatevi con un piccolo, nuovo dono da mettere in bella vista nella stanza che avete appena riordinato: la motivazione è tutto. E ora tocca a lui: il famelico, disordinatissimo contenitore delle nostre speranze e paure.

Pronti per il cambio armadio?

La metamorfosi dell’armadio. Niente regala più soddisfazione del cambio stagione. Riscoprire tesori nascosti dei quali ci eravamo completamente dimenticati e soprattutto immergersi tra i colori frizzanti, gli abiti giocosi e le scarpe aperte. Suvvia, niente nostalgia, il tempo degli stivali ritornerà! Inaugurate la vostra scarpiera spring/summer con un acquisto sfizioso. Qualche idea? Per lei un paio di sandali rasoterra futuristici decorati con delle boule piatte e un paio di open-toe beige rese uniche dal tacco borchiato. Per lui delle stringate in canvas dai toni neutri e gli interni di tessuto che garantiscono la massima traspirabilità, oppure le stringate in suede con lavorazione brogue nella squillante tinta blu.

Archiviare e pulire. Non dimenticate che, prima di archiviare le scarpe invernali nei luoghi più reconditi della scarpiera, andranno ben pulite: solo così, tra qualche mese, le ritroverete in grande forma pronte per essere sfoggiate di nuovo. La linea di Bata è super fornita e studiata per garantire la soluzione ideale alle diverse calzature: dal detergente per pelle scamosciata (perfetto anche per le borse), alla spugna lucidante 100% Made in Italy. Non lasciatevi sfuggire la crema alpina con cera d’api che manterrà la qualità della pelle intatta nel tempo.

CONDIVIDI